Standard dello Spitz tedesco

spitz standard

Lo Standard dello Spitz tedesco è identico per tutte e cinque le varietà. Esso richiede un corpo ricoperto da un bellissimo mantello, sostenuto da abbondante sottopelo. Intorno al collo dev’essere presente un ricco collare di pelo a criniera. La testa, simile a quella della volpe, è di media grandezza: il cranio, largo, si restringe progressivamente fino al tartufo.

Il muso, non troppo lungo, deve essere armoniosamente proporzionato al cranio e alla lunghezza della fronte. Gli occhi, acuti e intelligenti, sono di media grandezza, di forma allungata, leggermente obliqui e di colore scuro. Le orecchie sono piccole, appuntite, inserite molto vicine l’una all’altra. Hanno forma triangolare, sono attaccate alte e portate erette con punta rigida. Il tartufo è rotondo e piccolo: è desiderabile una canna nasale leggermente appiattita. Il collo è di media lunghezza.

La linea dorsale dev’essere più corta possibile e completamente diritta dal garrese alla groppa. La coda, di media lunghezza, si rialza perpendicolarmente alla radice e si ripiega in avanti sulla schiena, voltandosi poi lateralmente a destra o a sinistra a forma di cerchio ben arrotolato sul dorso, oppure arrotolandosi direttamente sul dorso. Per quanto riguarda il carattere, tutti gli Spitz tedeschi hanno due cose in comune: una sfrenata allegria e un’immensa gioia di vivere. Come abbiamo già detto, le taglie grandi sono un po’ meno scatenate delle piccole, che hanno un’esuberanza irresistibile.

Gli Spitz medi, piccoli e nani hanno tutti lo stesso modo di fare: sono perennemente in moto, spesso di corsa e ancor più spesso su due zampe, perché vorrebbero dire un sacco di cose al padrone e cercano di arrivare più vicino possibile al suo viso per “spiegargli tutto”.
Una caratteristica tipica è quella di saper fare…i cani da circo, ma non solo in senso letterale: essi eseguono i loro numeri anche in famiglia, senza che nessuno glieli abbia mai insegnati.

Scopri con il nostro documentario tutto sulla razza spitz.

Guarda il trailer del documentario

Precedente Il Wolfspitz: un piccolo gigante Successivo Il gatto Tigger e un viaggio di 500 km in un paraurti