Qual è il sogno proibito di ogni cacciatore?

sogno caneIl cacciatore sogna da sempre di avere un cane veramente capace di tutto.
Cacciare indifferentemente selvaggina da piuma o da pelo e saperla recuperare e riportare efficacemente.
In Germania, si volle creare un cane davvero abile in tutto. Una vera sfida cinofila che si sarebbe conclusa vittoriosamente, con la creazione di una razza eccezionale.
E’ davvero importante correre come il vento? La velocità è il grande vanto degli amanti dei fermatori inglesi, setter e pointer, ma per i tedeschi, è risaputo, conta di più la razionalità.
Per questo loro hanno creato un cane capace di ragionare, un cane che non si lascia mai trascinare dall’eccitazione, e che lavora con la testa oltre che con le gambe.
Il Drahthaar è un cacciatore saggio e meditativo.
Pur avendo un forte temperamento è un cane docile ed obbediente, capace di attenersi ai desideri del cacciatore, e di non lasciarsi trascinare dall’istinto venatorio.
Abbiamo detto che il Drahthaar, nonostante le dicerie, è un cane docile ed obbediente.
Questo non significa che sia un cane per tutti, perché il suo carattere forte richiede polso, fermezza e coerenza.
Ovviamente, trattandosi di un cane da caccia, è importante farlo sfogare con corse e giochi, ma questo non è sufficiente.
A un cane così attivo e intelligente non basta giocare, deve anche sentirsi utile altrimenti si annoia, e se si annoia si inventerà in proprio le sue battute di caccia, con prede che non saranno sempre molto gradite al padrone.
Per evitare che combini guai,il Drahthaar va tenuto attivo ed impegnato anche mentalmente.
Per questo è molto importante fargli seguire un corso di obbedienza, indipendentemente dal fatto che intendiamo o meno portarlo a caccia.
Se si sentirà utile, e quindi appagato e realizzato, il D. sarà un vero gentle dog, capace di farci fare una splendida figura in società e di comportarsi sempre in modo impeccabile.
In mezzo alla gente sarà perfettamente a suo agio, si comporterà in modo sereno ed amichevole, e non darà alcun tipo di problema, tanto che guarderà dall’alto al basso, con aria molto distaccata, i suoi colleghi esuberanti e meno controllati.
Anche in appartamento un D. realizzato saprà essere discreto e tranquillo.
Sarà un compagno piacevole anche perché perde pochissimo pelo e se tenuto pulito non ha odori sgradevoli.
Il Club italiano “Drahthaar”, sta curando molto il concetto di “bello e bravo”, fondamentale per il miglioramento di ogni razza canina.
Per questo, oltre alle prove di lavoro, organizza diversi raduni ed esposizioni speciali di bellezza. Fino a qualche anno fa, i cacciatori non erano molto interessati alle esposizioni canine.
A loro importava solo che il cane andasse bene a caccia e molti sostenevano che non c’era alcun bisogno di essere belli per funzionare a dovere.
In realtà lo standard di bellezza descrive semplicemente il cane più funzionale possibile e quindi quello che ha maggiori possibilità di rivelarsi un buon ausiliario per il cacciatore.
I cani costruiti meglio hanno ottime possibilità di risultare anche i più bravi a caccia, sempre ovviamente che le qualità psichiche siano alla pari di quelle fisiche.

Per tutte le informazioni su questo cane da caccia qui troverete il videodocumentario completo.

Precedente Il chihuahua e il suo standard Successivo Lo standard del Drahthaar