Il Cane/Lupo più giovane

cane lupo

Il cane lupo cecoslovacco è una razza nata ufficialmente nel 1989 e nasce dall’incrocio di un cane con un lupo. Una prova scientifica riuscita, che nasce nella Repubblica Cecoslovacca verso la metà degli anni ’50.
L’uomo ha selezionato cani allo scopo di difendere greggi e mandrie dai lupi; ha dato vita a razze che, a differenza del lupo, non ritualizzano più le lotte e altre a cui non importa più nulla di vivere in branco.
Il lupo cecoslovacco è estremamente gerarchico: il che significa che collocherà ogni membro della famiglia su un gradino di importanza diversa, a seconda della stima e del rispetto che ognuno riuscirà a conquistarsi.
Non è aggressivo, non morde senza un motivo più che valido, non è rissoso con i suoi simili. Il lupo ritualizza le situazioni conflittuali con una serie assai complessa di gesti e mimiche corporee e facciali, ed è difficilissimo che arrivi al vero e proprio scontro fisico.
Il Cane lupo cecoslovacco ha ereditato dalla sua parte lupina un’altissima diffidenza: basta il movimento di una foglia per metterlo in allerta.
Per limitare l’innata circospezione dei nostri lupacchiotti e per cancellare del tutto, se vogliamo, quella rivolta all’uomo. Basta socializzarlo il più possibile con adulti e bambini.
Il lupo cecoslovacco è un cane naturale, sano, senza esigenze particolari: non mangia molto, non va toelettato, si adatta senza problemi a qualsiasi situazione ambientale.
L’unica cosa di cui ha davvero bisogno, specie d’estate, è…acqua fresca a volontà, per potere abbassare la temperatura corporea in caso di bisogno.
Questo lupone dall’aria così selvaggia in realtà è  molto affezionato al suo umano-guida, quel famoso capobranco di cui cerca continuamente il contatto fisico.
Pur essendo affettuoso e gentile con tutta la famiglia, può essere definito “cane di un solo padrone”, perché alla sua figura-guida si legherà in modo molto più profondo.

Emozionati con il video del cane cecoslovacco, e guarda anche l’anticipazione del documentario sul nostro sito

Precedente Scopri Missione Relitti Successivo Pranza con il sorRISO: Risotto ai carciofi