I Bovari e i cuccioli

cuccioli bovaro

I Bovari e la loro indole dolce li spinge a voler fare amicizia con qualsiasi essere vivente.
Questi cani sentono un forte istinto di protezione verso i bambini, e provano verso di loro sentimenti di vero affetto. Nessun peluche potrà mai sostituire il calore e l’amore di un amico che può comunicare davvero con il bambino.

I cuccioli dei Bovari, come il Bernese, vanno seguiti con cura nei primi mesi di vita, perché crescono rapidamente. Se a due mesi hanno le dimensioni di un gattino, a cinque sono triplicatie. Ciò significa che bisogna stare molto attenti all’alimentazione.

I piccoli Appenzel , al contrario, possono giocare e correre finché vogliono: il loro accrescimento sarà meno rapido e imponente. Anche per loro, è indispensabile un’alimentazione corretta e ben bilanciata.

Dal punto di vista caratteriale, come abbiamo visto, i Bovari svizzeri sono: intelligenti e svegli, apprendono in fretta e sono adatti a moltissimi impieghi.
Una loro caratteristica è il legame strettissimo che instaurano con l’uomo, e di cui hanno un bisogno vitale.
A poche settimane, ancora incerti sulle zampe, seguono già il “capobranco uomo” con fiducia incrollabile: e questo atteggiamento resterà immutato per tutta la vita.
Quando un cucciolo impara ad andare al guinzaglio, bisogna insegnargli solo a tenere la giusta direzione, perché lui non si impunta mai: seguirci gli viene assolutamente naturale, e non si sognerebbe mai di fare una strada diversa dalla nostra.

Scopri tutte le curiosità dei Bovari

 

 

Precedente Bovaro dell’Appenzell: i caratteri standard Successivo Il Norvegese delle Foreste: l’origine di un supergatto