Che tipo di Spitz ti piace? Le origini

Che tipo di Spitz ti piace? Le origini

spitz
Il termine SPITZ equivale all’italiano “volpinoide”, o di tipo volpino, e riunisce un vasto gruppo di cani che hanno in comune determinate caratteristiche: pelo lungo, coda rovesciata sul dorso, corpo piuttosto compatto, testa con cranio largo e muso più sottile, vagamente somigliante a quella della volpe, orecchie erette.

Tracce di antichi cani di tipo spitz si sono trovate in Europa, in Asia centrale e meridionale, in Madagascar, in Egitto e in Cina. Il chow chow, cane cinese dalle origini antichissime, è uno spitz esattamente come il volpino italiano e il nordico samoiedo.
Il motivo per cui lo stesso tipo di cane si è evoluto in zone tanto lontane tra loro, e senza possibilità di comunicazione, va ricercato nella strettissima parentela con il lupo, animale cosmopolita e diretto progenitore del canis familiaris palustris da cui derivano sicuramente i volpini europei.

Il cane di tipo spitz è fortemente lupino sia nell’aspetto che nei tratti caratteriali, poiché si tratta di cani dal fortissimo istinto sociale: un gruppo di spitz di qualsiasi dimensione, età, sesso e colore tenderà sempre a “fare branco” e a restare unito…e cercherà sempre una figura guida a cui attribuire il ruolo di capo.
Questo fa pensare che gli spitz siano stati cani poco manipolati dall’uomo, che non ha mai cercato di modificarne fisico e carattere.

Da cuccioli, i piccoli Spitz sembrano decisamente…finti: sia quando ci guardano con questi incredibili musetti da procione, sia quando trottano…a passo di parata. Anche quando ci si convince che sono cani “veri”, i cuccioli sembrano quantomeno strani specie per quel che riguarda il colore: ma c’è il trucco, per scoprire come saranno da grandi.

Per sapere tutto sullo Spitz…

Precedente Uno Schnauzer d’eccellenza Successivo Il Wolfspitz: un piccolo gigante