Bovaro dell’Appenzell: i caratteri standard

Bovaro dell’Appenzell

Lo Standard del Bovaro dell’Appenzell richiede l’ aspetto generale di un cane tricolore di taglia media, ben proporzionato ed armonico.
Il cane deve apparire muscoloso e avere un’espressione birichina.
Proporzioni importanti: il rapporto tra altezza al garrese e lunghezza corpo è di 9 : 10.

Il rapporto tra lunghezza del muso e lunghezza del cranio è di 4 : 5. Il Bovaro dell’ Appenzell è un cane vivace, pieno di temperamento, sicuro di sé e privo di paura.

La testa è ben proporzionata rispetto al corpo, con forma leggermente conica. Il cranio è piuttosto piatto: dal punto più largo fra le orecchie si va uniformemente restringendo verso il muso. Anche il muso, mediamente robusto, si restringe progressivamente verso il tartufo. La canna nasale è diritta. Il tartufo è nero.
Gli occhi sono piuttosto piccoli, a forma di mandorla, con espressione vivace.
Le orecchie sono attaccate alte, larghe e pendenti, di forma triangolare, con le punte arrotondate.
Il dorso è moderatamente lungo, solido e diritto.Il rene è corto e ben muscoloso.
La groppa, corta, termina diritta in prosecuzione della linea dorsale. La coda è attaccata alta, robusta, di lunghezza media, con pelo fitto. E’ portata arrotolata ad anello chiuso sulla groppa.
Gli arti hanno robusta ossatura, sono ben muscolosi e in appiombo.
Il colore di fondo può essere nero o avana, con disegni simmetrici di colore marrone-rossiccio e bianchi.
Il disegno bianco consiste in una lista bianca ben visibile, che scende dal cranio alla canna nasale. Un’altra zona bianca parte dal mento e scende sulla gola senza interruzioni fino al petto.

L’Appenzell, proprio per il suo aspetto rustico e lavoratore, è meno richiesto dai fanatici dello show, e in diversi casi è ancora impiegato per il suo scopo originario. Anzi, di solito comincia ad allevarlo proprio chi lo scopre come pastore o mandriano, perché la sua abilità in questo campo è quasi ineguagliabile.
Ha una tale attitudine al lavoro che non c’è quasi bisogno di spiegargli cosa deve fare: anche i cani di casa, portati in mezzo a un gruppo di animali, tendono istintivamente a raggrupparli e condurli .

Maggiori informazioni sul Bovaro Svizzero

Precedente I 4 tipi di Bovari e le loro origini svizzere Successivo I Bovari e i cuccioli